Lievitati Salati · Senza Latte · Senza Uova · Stuzzichini

I taralli caserecci calabresi di Mamma Rita.

taralli caserecci calabresi (13)

A casa nostra i taralli si fanno tutte le settimane. Mamma dice sempre “si tiani guliu o t’ani puntiddra u stomacu, nu taraddru ci vò sempi ara casa” trad. “se hai voglia di qualcosa di buono o vuoi uno spezzafame un tarallo ci deve essere sempre a casa”.

Ed ecco che i taralli a casa nostra si fanno sempre, 12 mesi all’anno, possono anche esserci 40 gradi,  i taralli a casa nostra si fanno e basta. In calabrese si chiamano anche “squadatiaddri” perchè prima di essere infornati vengono bolliti.

La ricetta è quella tradizionale di famiglia, la ricetta di mia mamma Rita e di cui lei si vanta tanto… ed ha ragione a farlo. Sono strepitosi! sono anche di una facilità e velocità disarmante, il risultato assolutamente perfetto, taralli caserecci friabili, buoni, gustosi e che mantengono queste caratteristiche per settimane.

Ecco la ricetta per circa 30-35 taralli

Ingredienti

  • 425 g di farina 0
  • 425 g di farina 00
  • 350-400 ml di acqua
  • 250 g di lievito madre pasta madre solida rifrescata (idro 50%) oppure 165 g di li.co.li. rinfrescato (in questo caso aumentare la farina di 85 g (metà 0 e metà 00)) oppure 12 g di lievito di birra fresco oppure 6 g di livito di birra secco
  • 100 ml di olio extravergine di oliva
  • 18 g di sale
  • semi di finocchio (o semi di anice)

Nota 1: per gli utilizzatori di pasta madre in questa ricetta può essere anche usato esubero, ovvio se rinfrescato il risultato sarà migliore.

Nota 2: ogni farina, è risaputo, assorbe in maniera diversa, pertanto vi consiglio di iniziare con 300-350 ml di acqua e lasciarne da parte 50-100 ml, versate l’acqua a filo mentre impastate e aggiungete la restante acqua pian piano, l’impasto deve avere la consistenza molto compatta tipo quella della pasta fatta in casa per intenderci.

L’impasto va fatto rigorosamente a mano. Setacciate le farine, unite i semi di finocchio o di anice,  sciogliete nell’acqua il lievito e sale,  unite l’olio, uniti tutti gli ingredienti iniziate ad impastare, impastate per qualche minuto, in modo che l’impasto risulti compatto. Non va lavorato troppo, in questo caso non serve incordare anzi è meglio non impastare troppo altrimenti risulterà poi difficile stendete la pasta. Lasciate riposare coperto da un canovaccio per 10 minuti. Trascorso il tempo del riposo, inizierete a formare dei salsicciotti grandi quanto un mignolo e formerete delle ciambelline della grandezza che preferite, in genere il salsicciotto deve avere lunghezza circa di 15-20 cm. Per stendere la pasta, per rendere i taralli belli lisci, mia mamma si unge le mani con olio di oliva, la formatura risulterà cosi molto facile. Sigillate mi raccomando bene le estremità altrimenti si apriranno.

taralli caserecci calabresi (16)

taralli caserecci calabresi (18)

Stendete i taralli su un tavolo, copriteli con un canovaccio e lasciateli riposare per 10-15 min. Non devono raddoppiare, se usate lievito madre potete spingere il riposo fino ad 1 ora, questo dipende dal vostro lievito, ma non dovete attendere il raddoppio, basta solo che la lievitazione sia iniziata.

taralli caserecci calabresi (19)

Nel frattempo mettete a bollire dell’acqua in un tegame largo e basso. Una volta raggiunto il bollore, immergete i taralli, appena saliranno a galla, ci impegheranno al massimo 1 minuto,

toglieteli e lasciateli asciugare su un canovaccio pulito di lino o cotone. Procedete cosi per tutti i taralli. Lasciateli riposare dopo averli bolliti per 15-20 minuti.

taralli caserecci calabresi (1)

taralli caserecci calabresi (6)

taralli caserecci calabresi (5)

Accendete il forno a 250 gradi, mettete i taralli su una leccarda coperta da carta da forno e informate, abbassate subito la temperatura a 200 gradi e cuoceteli per circa 15-20 minuti, qui dovrete un pò regolarvi voi a vostro piacimento, se desiderate un tarallo più morbido allora appena si colorano toglieteli dal forno, saranno cosi friabilissimi fuori e più morbidi dentro, se invece li preferiti friabilissimi e croccantissimi sia dentro che fuori allora lasciateli in forno qualche minuto in più e lasciateli colorare ancora di più.

taralli caserecci calabresi (8)

taralli caserecci calabresi (9)

Sfornateli e lasceteli raffreddare su una gratella.

I vostri taralli caserecci, lisci, lucidi e friabilissimi sono pronti, gustosissimi, uno tira l’altro… vi assicuro che vi piaceranno!

Conservateli in un sacchetto di plastica o in un contenitore ermetico, manterranno cosi la loro friabilità per giorni e giorni.

taralli caserecci calabresi (11)

taralli caserecci calabresi (10)

taralli caserecci calabresi (14)

taralli caserecci calabresi (15)

taralli caserecci calabresi (13)

Buon appetito e ricordate sempre che l’ingrediente segreto è sempre quello di cucinare con Amore!

Image 2

 

 

Annunci

6 thoughts on “I taralli caserecci calabresi di Mamma Rita.

  1. Ricetta molto importante nei contenuti e nella gustosità. Da provare assolutamente ! interessante la descrizione . Continua così mi piacerebbe ci seguissimo a vicenda che ne pensi?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...